Ripartizione e contabilizzazione dei consumi, obbligo di adeguamento in Piemonte

REGIONE PIEMONTE. Obbligo di termoregolazione e contabilizzazione del calore negli edifici di tipo residenziale

La Regione Piemonte con la d.c.r 98-1247 dell'11 gennaio 2007 ha pubblicato lo “Stralcio di Piano per il riscaldamento ambientale e il condizionamento” , per il quale occorre adempiere entro il 1° Settembre 2009 ai seguenti obblighi:

  • realizzare la termoregolazione e la contabilizzazione del calore per ogni singola unità abitativa negli edifici esistenti di tipologia E.1 (abitazioni, alberghi, ecc), la cui costruzione sia stata autorizzata dopo il 18/07/1991 ed entro il 30/06/2000;
  • disporre, per le piscine coperte (edifici E.6), sistemi di recupero del calore disperso con il ricambio dell’acqua della vasca e sistemi di copertura delle vasche per i periodi di mancato utilizzo;
  • provvedere, negli edifici esistenti di qualsiasi tipologia, alla idonea coibentazione delle tubazioni dell’impianto termico, che risultino facilmente accessibili e/o ispezionabili (fatto salvo attraversino locali riscaldati), secondo le vigenti norme di cui all’art. 5, comma 11, DPR 412/’93 ed all’Allegato tecnico B dello stesso decreto.

Negli edifici la cui costruzione è stata autorizzata prima del 18/07/1991, la termoregolazione e la contabilizzazione del calore per singola unità abitativa deve realizzarsi entro il 1/09/2012, fatto salvo i casi di sostituzione del generatore di calore o di passaggio al sistema di teleriscaldamento, per i quali vige l’obbligo di installare la termoregolazione (valvole termostatiche), con la possibilità di mettere in opera successivamente la contabilizzazione del calore. Si ricorda che per ottenere le “detrazioni d’imposta del 55%” per l’installazione di generatori a condensazione è comunque indispensabile installare le valvole termostatiche.

Per l’installazione dei sistemi di contabilizzazione del calore, unitamente alla sostituzione dei generatori di calore con caldaie a condensazione e alla sostituzione delle pompe di circolazione con sistemi a giri variabili, è possibile usufruire della detrazione d’imposta del 55%, prevista dalla finanziaria fino al termine del 2010.

Ricordiamo che tale agevolazione riguarda inoltre:

  • Interventi di riqualificazione energetica
  • Sostituzione d’infissi
  • Isolamento di pareti, solai e coperture
  • Installazione di pompe di calore ad alta efficienza
  • Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda
  • Spese per le prestazioni professionali richieste al fine di realizzare detti interventi